Tomb Raider: The Dagger of Xian – La nostra recensione del remake fanmade di Tomb Raider II

twittergoogle_plustumblr
Tomb Raider: The Dagger of Xian
Tomb Raider: The Dagger of Xian

Intoduzione

Autore: Tita

Da mesi ormai seguiamo con moltissimo interesse il progetto – folle – di Nicobass: un remake completo di Tomb Raider II, realizzato per PC grazie alla tecnologia Unreal Engine 4.

Nicobass è un fan di Tomb Raider molto famoso nella community mondiale, conosciuto da anni come artista di digital art e autore di moltissime opere che hanno come soggetto proprio la nostra eroina Lara. Se non lo conoscete, vi consiglio di seguirlo su deviantArt, dove potrete ammirare le su fanart.

Il 31 agosto, con un giorno di anticipo rispetto alla data annunciata, Nicobass ha rilasciato una demo giocabile del suo Tomb Raider: The Dagger of Xian, che potete scaricare dal suo sito o direttamente da noi, a questo link: DOWNLOAD TOMB RAIDER: THE DAGGER OF XIAN.

Se non siete sicuri delle performance del vostro PC, vi consiglio di verificare se il gioco potrà girare correttamente, prima di scaricare la demo. Potete farlo a questo link: Can You Run It?

Dopo questa doverosa premessa, vi lascio alla nostra recensione e a fondo pagina troverete anche una gallery di screenshot realizzati dal nostro Kent e due gameplay video dell’intera demo, realizzati da Alyam Games, per chi non ha modo di provarla personalmente!

 

Tomb Raider: The Dagger of Xian
Tomb Raider: The Dagger of Xian

 

Recensione – Tomb Raider: The Dagger of Xian

Autore: Kent

Più di un anno e mezzo fa, in rete sono cominciate a diffondersi le prime indiscrezioni riguardo un remake fanmade non ufficiale di Tomb Raider 2 per PC.
Il creatore e programmatore del progetto, nome in codice Nicobass, attraverso il suo sito web e i suoi social network, da allora ha cominciato a rilasciare poco alla volta piccoli video e screenshot sul suo lavoro, fino a quando, lo scorso 31 agosto, ha reso disponibile la demo del primo livello ambientato sulla muraglia cinese.

 

Tomb Raider: The Dagger of Xian
Tomb Raider: The Dagger of Xian

 

Nicobass ha svolto un lavoro eccellente che non si limita semplicemente a riproporre il gioco in grafica moderna.
Il suo lavoro si potrebbe considerare addirittura un Tomb Raider nuovo di zecca: la location è la stessa, la storia anche,  ma le aree sono completamente rivisitate, lasciando solo una traccia di quello che era Tomb Raider 2.
Scorci familiari non mancano ma, visitandoli, nulla è come prima.
La maggior parte della demo è occupata da zone e stanze totalmente inedite, arricchite con nuovi enigmi e persino documenti che approfondiscono la storia di 20 anni fa.
Il gioco mantiene il grado di sfida originale rendendo i nemici, anche i più semplici, scattanti e scaltri: ha un buon livello di sfida già impostandolo a “medio”, dove può risultare difficile sfuggire indenni persino da un branco di ragnetti famelici.
La sfida è incrementata anche dal paesaggio come mai prima d’ora, rendendo Tomb Raider molto più realistico di quanto non lo sia mai stato. Sono sparite fenditure o sporgenze riconoscibili da scalare: a parte quelle ovvie, trovandosi davanti una parete rocciosa, non sempre è facile intuire dove è possibile salire e dove no, senza tralasciare il fatto che a volte sarà proprio l’interazione con il paesaggio a farci proseguire.
Non mancano stanze e cunicoli che hanno il solo scopo esplorativo o di ricompensare con munizioni e medipack.
Molto accurato il commento sonoro, presente costantemente, che non sempre evoca vecchie melodie familiari ma ne ripropone di nuove senza sfigurare.
Nicobass ha svolto un lavoro certosino curato nei minimi dettagli, tanto da sembrare persino esente da bug.

 

Tomb Raider: The Dagger of Xian
Tomb Raider: The Dagger of Xian

 

Novità rispetto al gioco originale:

  • le tigri ora sanno nuotare e vi raggiungeranno anche in acqua
  • ci sono documenti da raccogliere come nel reboot e possono aiutare anche nella risoluzione di enigmi
  • presenza dello sprint
  • presenza del diario di Lara nell’inventario con annessi suggerimenti sulla zona che si sta visitando
  • Lara porta gli occhiali anche nel gioco
  • possibilità di procedere carponi in cunicoli angusti
  • possibilità di arrampicarsi/aggrapparsi/camminare su aste/colonne/travi (già introdotta nel remake ufficiale di Tomb Raider 1, Tomb Raider Anniversary)

 

Aspetti fedeli al gioco originale:

  • l’energia non torna piena se si ricarica da un checkpoint o da un salvataggio rimanendo allo stesso punto in cui era, differentemente dal remake ufficiale Tomb Raider Anniversary
  • inventario circolare
  • il medipack piccolo ripristina di nuovo metà energia (differentemente da quanto accadeva in Tomb Raider Anniversary dove ne ripristinava meno)
  • tuffo ad angelo ed arrampicata in verticale (non essendoci il tasto cammina quest’ultima si esegue col tasto dedicato allo sprint)

 

Screenshot!

 

 

Gameplay video ITA

 

 

 

commenta Se vuoi commentare la notizia con noi sul forum, clicca qui! commenta

twittergoogle_plustumblr